Legacy

Termine nato nei mainframe per definire un hardware od un software che continua ad essere utilizzato perché il suo aggiornamento richiederebbe un costo sproporzionato rispetto alle migliori prestazioni che si otterrebbero, oppure perché il suo rimpiazzo non sarebbe compatibile con altre applicazioni od altro software. In pratica si tratta di un sistema obsoleto, ma che ha richiesto all'origine un sostanzioso investimento e che adesso si rivela lento ed incompatibile con i nuovi sistemi. La sua sostituzione, però, richiederebbe la sostituzione dell'intero sistema e la messa in opera di nuovo software. Mentre l'upgrade sarebbe costoso o impossibile (mancanza di pezzi di ricambio).
Nei personal definisce quei protocolli, connettori, interfacce che vengono inseriti anche nei computer nuovi, per eventuali necessità e compatibilità, ma che in realtà siano obsoleti, lenti, non convenienti e fuori produzione. Per esempio, il connettore ISA/EISA, o la quantità di connettori PCI, quando la tecnologia corrente consente di usare AGP e USB. Si definisce legacy anche la compabilità con un software (es: un database in DOS) oppure un sistema operativo vecchio (es: DOS), ma che costringe ad utilizzare un file system meno efficiente (es: FAT16). Ciò costringe a costruire computer più costosi e più ingombranti. Da qui la produzione di personal legacy-free, cioè senza legacy, più economici e piccoli.


Info

Dizionario Informatico
[Guida al DOS] - [Guida alle estensioni] - [Siti italiani di informatica]
Guida al personal computer
Copyright 1995/2007
Luigi Bruno
Vietata la riproduzione in qualsiasi forma, anche parziale

Valid XHTML 1.0!